martedì 27 maggio 2014






 "Inferno" di Francesco Gungui



 Casa editrice: Fabbri editori
Prezzo: 5.00 euro
Pagine: 427
Trama: Se sei nato in Europa, la grande città nazione del prossimo futuro, hai due sole possibilità: arrangiarti con lavori rischiosi o umili, oppure riuscire a trovare un impiego a Paradiso, la zona dove i ricchi vivono nel lusso più sfrenato e possono godere di una natura incontaminata. Ma se rubi o uccidi o solo metti in discussione l'autorità, quello che ti aspetta è la prigione definitiva, che sorge su un'isola vulcanica lontana dal mondo civile: Inferno. Costruita in modo da ricalcare l'inferno che Dante ha immaginato nella "Divina Commedia", qui ogni reato ha il suo contrappasso. Piogge di fuoco, fiumi di lava, gelo, animali mostruosi rendono la vita difficile ai prigionieri, che spesso muoiono prima di terminare la pena. Nessuno sceglierebbe di andare volontariamente a Inferno, tranne Alec, un giovane cresciuto nella parte sbagliata del mondo, quando scopre che la ragazza che ama, Maj, vi è stata mandata con una falsa accusa. Alec dovrà compiere l'impresa mai riuscita a nessuno, quella di scappare con lei dall'Inferno, combattendo per sopravvivere, prima che chi ha complottato.

Maj si affacciò dal ponte per guardare la terraferma. Vide i primi    dannati che erano appena scesi sul molo. C'era chi correva, chi cercava di tornare indietro e veniva fermato dalle guardie, chi si buttava a terra piangendo e chi invece camminava piano, affrontando il proprio destino.

Dopo questo spoiler un pò...macabro, vi faccio sognare con questo altro.

"Ti ho aspettato" continuò Maj "tanto"
Alec inspirò profondamente, poi sorrise "Io ti ho pensato" ammise,"un bel pò"
"Mi hai  pensato un bel pò?" chiese lei divertita.
"Più di un bel pò, direi tanto"
"Così va meglio" disse Maj sentendo un'intimità che con Marvin non aveva mai avuto.

  

Nessun commento:

Posta un commento