martedì 1 luglio 2014

"La torre della solitudine" di Valerio Massimo










Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 5,90 euro
Pagine: 306
Trama: Nella notte dei tempi un popolo osò sfidare Dio. E la Torre della Solitudine, persa tra le dune, è l'ultima testimonianza di quella sfida, ma è anche la promessa di un portentoso evento. Per ritrovarla, per scioglierne l'indicibile mistero, tre uomini si avventurano nel cuore del Sahara. Un archeologo che insegue le tracce di suo padre, un colonnello della Legione Straniera assetato di vendetta, un prete che mette alla prova la sua fede: di fronte alla Torre della Solitudine si compie il loro destino. Mentre dai confini del tempo e dello spazio rieccheggia il più superbo e sconvolgente dei messaggi.
 
Questo libro è stato uno tra i thriller più belli che abbia letto, contando che ne ho letti veramente pochi e che non mi piaci il genere.  Così mi sono informata sull autore. 
Valerio Massimo Manfredi, archeologo e scrittore italiano, dopo essersi laureato in lettere classiche all'Università di Bologna è subito entrato nel mondo dell'archeologia, specializzandosi in topografia del mondo antico all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È autore anche di soggetti e sceneggiature per il cinema e la televisione. La sua trilogia Alexandros è stata acquistata da Universal Pictures per una produzione cinematografica e Dino De Laurentiis ha realizzato L'Ultima legione (Ben Kingsley, Colin Firth, Aishwarya Rai, Thomas Sangster, regia di Doug Lefler). Ha scritto inoltre la sceneggiatura di Marco d'Aviano (in preparazione) Gilgamesh (in preparazione). Ha adattato per il  cinema Le Memorie di Adriano di M.Yourcenar per John Boorman.

Nessun commento:

Posta un commento