giovedì 2 luglio 2015

Recensione: "Un'estate contro" di Katie McGarry

Salve, ragazzi! Come state?



Titolo: Un'estate contro
Autrice: Katie McGarry
Editore: De Agostini 
Prezzo: 14, 90 €
Pagine: 516 
Trama:Sono passati due mesi da quando Echo e Noah hanno deciso di lasciarsi tutto alle spalle e partire per un viaggio. Un viaggio pieno di sogni e di speranze, lungo un’estate. Prima di partire Echo si era prefissata due obiettivi. Primo: dimostrare a tutti di avere un vero, inconfondibile talento per l’arte. Secondo: esplorare sotto ogni aspetto la relazione con Noah. Ma entrambi i propositi si sono presto rivelati più difficili del previsto. E ora, a una settimana dalla fine della vacanza, Echo non si sente affatto cambiata: è ancora la stessa ragazza insicura e tormentata di sempre. Anche Noah aveva un sogno da realizzare durante l’estate: diventare l’uomo perfetto per Echo. Per riuscirci era pronto a tutto, anche a mettere fine alla fama di cattivo ragazzo. Ma l’incontro con Mia, una sua ex convinta che la storia con Echo sia solo una parentesi momentanea, mette a dura prova tutte le sue buone intenzioni… L’amore e la fiducia basteranno ai due ragazzi per superare le nuove prove che li aspettano
                                                                
La mia opinione:
Questo libro lo aspettavo da tantissimo, è un autrice che mi appassiona. Questo romanzo l'ho letto con difficoltà, non che non mi sia piaciuto, ma in certi punti l'ho trovato abbastanza stancante. Non sono riuscita a leggerlo con la scorrevolezza degli altri suoi libri. Affronta anche temi più complessi e difficili da trattare rispetto agli altri libri. Ci sono temi dei precedenti romanzi, ma anche nuovi temi e nuove responsabilità. Eh, sì, perché adesso Noah ed Echo non frequentano più il liceo, di conseguenza adesso bisogna  avere il coraggio per prendere in mano la propria vita e cercare di prendersi le proprie responsabilità. A volte crescere richiede delle consapevolezze, che si ottengono con il tempo. Noah, deve crescere, e per lui non è per niente facile. Lui, che sa come fare a pugni, si ubriaca e sa come marcare il territorio, dovrà imparare a fare il bravo ragazzo, perché c'è Echo, che ha dei piani per il futuro. Echo vuole realizzare i suoi  sogni e proprio quando tutto sembra perfetto, ecco che i suoi incubi ritornano più forti che mai. L'ultima settimana del loro viaggio è all'insegna della consapevolezza. Poi ci sono i personaggi secondari, come Isaiah, il mio personaggio preferito, Beth, che in questo romanzo la troveremo nei panni di paciere, Hunter, un famoso insegnante di arte, Mia, una delle ex di Noah e un personaggio che porterà non poco scompiglio. Come negli altri libri c'è il doppio punto di vista di Echo e Noah, che è quello più divertente. 

Nessun commento:

Posta un commento